LA NUOVA ERA VACCINALE


LA NUOVA ERA VACCINALE Possibile correlazione tra varianti genetiche ed efficacia e sicurezza dei vaccini

I vaccini hanno permesso di ridurre notevolmente l’incidenza delle malattie infettive, l'eradicazione del vaiolo, ed hanno salvato milioni di vite e rimangono gli interventi più efficaci ed economici a favore della salute pubblica globale.
Allo stesso tempo, sono sempre più numerosi i vaccini che vengono somministrati a livello globale, quindi sono state sollevate molte preoccupazioni per reazioni avverse (Aes) che potrebbero minacciare i successi delle campagne vaccinali. 

Con i progressi tecnologici attuali e futuri come l’analisi dell’intero genoma e l’avvento della transcriptomica, dell’epigenetica, della proteomica e soprattutto i nuovi approcci biostatistici per la comprensione di database enormi che contengono un’enormità di informazioni, oggi possiamo meglio comprendere le associazioni ed i meccanismi con i quali le variazioni genetiche individuali possono influenzare sia la risposta al vaccino che il verificarsi di reazioni avverse.
Armati di tali conoscenze, potremmo avere la capacità di predire tali AE o di programmare nuovi approcci vaccinali che minimizzino o eliminino le gravi reazioni correlate al vaccino, quindi individuare un approccio più personalizzato o individuale alla pratica vaccinale.

Gregory A. Poland, MD et al., del Mayo Vaccine Research Group, the Program in Translational Immunovirology and Biodefense, and the Departments of Medicine and Molecular Pharmacology and Experimental Therapeutics, Mayo Clinic College of Medicine, Rochester, credono che gli adversomici (immunogenetica e immunogenomica degli eventi avversi al vaccino rispettivamente a livello individuale e di popolazione) sono fondamentali per comprendere e prevenire gravi eventi avversi correlati al vaccino, e serviranno a sviluppare una migliore generazione di vaccini e migliorare la fiducia che la popolazione ha in merito alla sicurezza vaccinale.

Le difficoltà significative nella crescita del campo immunogenetico dei vaccini comprende la difficoltà di studiare un numero abbastanza ampio di soggetti (rari AE sono per definizione rari), la mancanza di finanziamenti per la ricerca, la complessità e l'estensiva natura polimorfica dei geni della risposta immunitaria, problemi statistici, presenza di interazioni multigeniche e di altri geni come la complementazione e le modificazioni epigenetiche del DNA, le differenze di genere, razza ed etnia. 

Tuttavia, il campo dell'adversomica sta crescendo a causa dell'interesse scientifico per comprendere le basi per le reazioni dei vaccini, "spingere" dal campo crescente di medicina individuale e la domanda dei consumatori per vaccini più sicuri.
La capacità di riprodurre associazioni statistiche in studi indipendenti basati sulla popolazione rimane essenziale per valutare la generalizzazione di tali studi. Sono chiaramente necessari studi più complessi per determinare se esistono associazioni tra variazioni genetiche tra individui e suscettibilità a gravi eventi avversi in risposta alla vaccinazione. 
Questi fattori combinati con la capacità tecnologica in continua evoluzione porteranno ad una nuova era in “vaccinologia” e la produzione di vaccini migliori e più sicuri.