INCONTRI INFORMATIVI - sede di Pescia

Questo mese diamo il via ad una serie di incontri e seminari per la popolazione, i medici di base e gli specialisti.

I primi due incontri in programma sono condotti dalla Dott. ssa Eleonora Betti, Psicologa e Tutor dell’Apprendimento.

 INCONTRI INFORMATIVI - sede di Pescia
Disturbi Specifici dell’Apprendimento (D.S.Ap) e sul deficit d’attenzione e iperattività (A.D.H.D)
I Bisogni Educativi Speciali (B.E.S) comprendono lo svantaggio socio-culturale, i disturbi specifici dell’apprendimento ed altri disturbi evolutivi specifici. 
Con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (D.S.Ap) si fa riferimento ad una categoria diagnostica di disturbi evolutivi neurobiologici geneticamente determinati, riguardanti l’apprendimento della lettura (dislessia) e/o scrittura (disortografia) e/o calcolo (discalculia) e/o grafia (disgrafia). A differenza di quanto si credeva in passato, i D.S.Ap non sono la conseguenza di un insegnamento inefficiente né di scarso impegno da parte dell’alunno, ma dipendono esclusivamente da un assetto neuropsicologico che non permette l’apprendimento automatico di certe abilità. Spesso (ad oggi si stima intorno all’80%), se ignorati, a questi disturbi possono aggiungersi senso di frustrazione con diminuzione di motivazione allo studio e alle relazioni sociali, bassa autostima, ansia e flessione del tono dell’umore; ecco perché è fondamentale essere adeguatamente informati ed intervenire con attività di potenziamento personalizzate al fine di ottenere progressivi miglioramenti. 
Il Disturbo da Deficit d’Attenzione e Iperattività (A.D.H.D) è un disturbo del neurosviluppo, che si caratterizza per livelli invalidanti di disattenzione e/o iperattività-impulsività. La sua presenza si stima sia intorno al 5% nei bambini e circa il 2,5% negli adulti. L’A.D.H.D si caratterizza per un’ampia eterogeneità clinica, poiché oltre ai tre sottotipi (con disattenzione predominante – con impulsività/iperattività predominanti – manifestazione combinata) troviamo spesso associati Disturbi della condotta, D.S.Ap, Disturbi d’ansia. Proprio al fine di migliorare la qualità di vita scolastica e relazionale del bambino/ragazzo, è opportuno collaborare anche con genitori ed insegnanti.

PROGRAMMA
26 marzo - 1° Incontro
• Differenza fra “difficoltà” e “disturbo dell’apprendimento”
• I Disturbi Specifici dell’Apprendimento (D.S.Ap) ed il Deficit d’Attenzione e Iperattività (A.D.H.D)

28 marzo - 2° Incontro
• Come poter aiutare un bambino/ragazzo con D.S.Ap? Il ruolo del Tutor dell’apprendimento
• Come poter aiutare un bambino/ragazzo con A.D.H.D? Il ruolo del Tutor dell’apprendimento

2 aprile - 3° Incontro
• Senso di autoefficacia e motivazione nello studio

E vissero per sempre (in)felici e contenti. La gestione delle relazioni affettive importanti

Molte donne (anche uomini ma in percentuale minore) nascondono una profonda insicurezza e il terrore di essere abbandonate, forse perché fanno il centro del proprio equilibrio e identità il rapporto con l’altro. Quando l’amore non si caratterizza più per la sua piacevolezza ma si trasforma in una continua ossessione ed estenuante ricerca di una reciprocità che non c’è, si innesca una sofferenza che può assumere sfumature più o meno importanti. È presente la convinzione che per essere amati bisogna essere sempre disponibili tanto da sacrificare i propri interessi o volontà in funzione dei bisogni del partner e, ancor più grave, di dover sempre dimostrare di meritare anche la più piccola attenzione. Ecco che sprofondiamo in una sorta di autolesionismo emotivo. Spesso queste situazioni, proprio per la spasmodica ricerca di amore dal partner, vengono paragonate ad una vera e propria dipendenza. Il mantenimento di tale situazione non è esente da rischi, che vanno dai disturbi d’ansia, disturbi dell’umore, fino al divenire vittime di violenza fisica e psicologica. Riappropriarsi di se stessi e della propria vita è, per fortuna, la via d’uscita da questa prigione.

PROGRAMMA
27 marzo - 1° incontro
• Aspetti neurobiologici e psicologici dell'amore
• Il confine fra relazione sana e patologica (la dipendenza affettiva)

29 marzo - 2° incontro
• Tipologie di dipendente affettivo e partner narcisista

3 aprile - 3°incontro
• I rischi e le conseguenze di una relazione disfunzionale (dalla depressione, ansia, bassa autostima alla violenza di genere)
• Come riappropriarsi di sé


Ciclo di incontri gratuiti condotti dalla Dott. ssa Eleonora Betti, Psicologa e Tutor dell'Apprendimento. Iscrizione obbligatoria. 
Orario: dalle ore 21 alle ore 22
Dove: presso Centro Analisi LAMM, P.zza Mazzini 75 Pescia (PT)
Per informazioni e iscrizioni: 0572 478195