Malattie sessualmente trasmesse

Definizione

Le malattie sessualmente trasmesse (MST) sono malattie che si contraggono attraverso i contatti e rapporti sessuali non protetti o altre pratiche sessuali e sono causate da circa 30 tra patogeni batterici, fungini, virali e parassitari. A seconda dell’agente infettivo e dello stato immunitario del soggetto infettato se non trattate possono avere conseguenze anche gravi quali sterilità o danni al feto per le donne in stato di gravidanza.

Nella tabella sono riportati i più diffusi agenti infettivi sessualmente trasmessi:

Tabella infezioni sessualmente trasmesse

Esistono anche MST che richiedono un contatto di sangue, anche attraverso rapporti sessuali traumatici es. anali: Epatite B (virus dell’epatite B - HBV), Epatite C (virus dell’epatite C - HCV), AIDS (virus dell’immunodeficienza umana - HIV).

Epidemiologia

Ogni anno l’incidenza delle MST aumenta sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, a causa della maggiore mobilità e dell’aumento della tendenza ad avere rapporti sessuali con più partner.

Secondo i dati rilevati dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS), in Italia i nuovi casi di MST (escludendo HIV) tra il 1991 e il 2015 è stato di 115.207 e l’età media dei pazienti era di 32 anni e per il 70,6% erano di sesso maschile; gli agenti infettivi rilevati sono stati: nel 55,4% dei casi virus, nel 42,1% batteri, nel 2,5% parassiti.

 

Sintomi

Le MST spesso sono asintomatiche e questo favorisce la loro diffusione essendo il soggetto infetto inconsapevole della presenza di un’infezione; quando presenti i sintomi associati alle MST sono spesso aspecifici e comprendono: secrezioni genitali a volte maleodoranti, dolore e bruciore alla minzione, dolore pelvico, lesioni e prurito ai genitali o nella bocca.

 

Diagnosi

I metodi tradizionali per la ricerca degli agenti patogeni causa di MST sono lenti, poco sensibili e poco specifici, oggi esistono test in biologia molecolare basati sulla reazione polimerasica a catena (PCR) che ovviano a questi problemi non richiedendo la coltura e quindi la crescita del microrganismo.

È possibile eseguire un test completo per il rilevamento e l’identificazione di 22 patogeni tra batterici, fungini, virali e parassitari, responsabili di infezioni sessualmente trasmissibili basato su una Real-time PCR.

Real-time PCR che rileva ed identifica simultaneamente in campioni clinici 10 batteri, 7 miceti, 4 virus e 1 parassita agenti di infezioni sessualmente trasmissibili. In automazione il tempo totale di analisi è di circa 6 ore. A questa ricerca viene generalmente affiancato l’esame colturale per germi comuni ad oggi ancora non rilevabili con i metodi molecolari.

Di seguito i pannelli a nostra disposizione per la ricerca molecolare (tutti i reagenti utilizzati sono provvisti di marcatura CE/IVD):

Pannello 1 STI Essential

- Chlamydia trachomatis

- Neisseriag gonorrhoeae

- Mycoplasma genitalium

- Mycoplasma hominis

- Trichomonas vaginalis

- Ureaplasma urealyticum

- Ureaplasma parvum

Pannello 2 Genital Ulcer

- HSV1

- HSV2

- CMV

- VZV

- Lymphogranuloma venereum (Chlamydia trachomatis)

- Treponema pallidum

- Haemophilus ducreyi

Pannello 3 Candidiasis

- Candida albicans

- Candida glabrata

- Candida tropicalis

- Candida parapsilosis

- Candida krusei

- Candida lusitaniae

- Candida dubliniensis

Per saperne di più consulta:
https://www.cdc.gov/ - Centers for Disease Control and Prevention
https://www.ecdc.europa.eu/en/home - European Centre for Disease Prevention and Control